Sicurezza a Cape Town : consigli e testimonianze

sicurezza a cape town

Sicurezza a Cape Town

Articolo dedicato alla fama di Cape Town con consigli e testimonianze.

In questo articolo rispondiamo ad alcune delle domande più frequenti riguardo la sicurezza a Cape Town, ma non solo: abbiamo intervistato due persone che vivono a Città del Capo per sentire il loro punto di vista diretto. Testimonianze in grado di darci una panoramica completa sulla città e sulla sua sicurezza.

Prima di rispondere alla domanda “Cape Town è pericolosa?” dobbiamo fare un passo indietro e cercare di capire la storia di questa città.

Cape Town è la città più antica del Sudafrica, una città formatasi attraverso un’imponente e multiforme storia, caratterizzata da forti contrasti e lotte note in tutto il mondo. Vi sono luoghi che testimoniano ancora oggi il percorso socio-culturale che ha vissuto Città del Capo, luoghi come il Castello di Buona Speranza, edificato come fortezza dai primi coloni olandesi, o come il Museo Bo-Kaap che testimonia la storia degli schiavi dell’Asia sudorientale che vennero portati a Città del Capo in catene; il District Six Museum racconta la lotta di liberazione ripercorrendo la cacciata dei residenti del distretto, così come Robben Island testimonia la durezza dell’apartheid e la lotta per la libertà.

sicurezza a cape town

La sicurezza a Cape Town:

C’è da dire innanzitutto che Cape Town è ritenuta la meno pericolosa delle grandi città sudafricane e che la criminalità violenta di cui si sente tanto parlare è concentrata maggiormente nelle zone urbane ai margini della città.

Se le statistiche riguardo la criminalità fosse fatte in zone centrali come la City Bowl, Atlantic Seaboard e Southern Suburbs forse si scoprirebbe che Cape Town è una delle città più sicure al mondo. Pazzesco no?

Le testimonianze dei cittadini sulla sicurezza a Cape Town:

Abbiamo fatto alcune domande a due persone che vivono a Cape Town per capire se la fama negativa che contraddistingue questa città ha delle basi realistiche oppure no.

1) Pensi che la fama negativa riguardo la criminalità della città sia infondata? Se sì, perché?

Sabina Botti: No, purtroppo. Il problema deriva dall’alto tasso di povertà e disoccupazione concentrato soprattutto nelle zone periferiche, come Cape Flats e le Township. Proprio nelle Cape Flats vi sono gangs che creano problemi, ma ovviamente questo non viene percepito dal turista perché rimane tutto concentrato nelle zone periferiche lontane dal centro città.

Nelle zone residenziali e turistiche esiste una rete di sicurezza ben organizzata, ad esempio a Camps Bay i residenti pagano una canone per poter avere la protezione di guardia giorno e notte. Oltre questo i residenti, i gestori di Bed&Breakfast ed appartamenti non solo hanno sempre l’allarme antifurto ma anche il servizio “call out” ovvero la vigilanza di una guardia nel caso in cui scatti l’allarme.

Inoltre, alcuni residenti fanno del Night Watch e dedicano del loro tempo volontariamente per controllare la loro zona durante la notte per dare un aiuto in più alla Security Guard di turno rimanendo sempre in comunicazione con la polizia locale.

Andrea Piantelli : Per quanto riguarda la mia esperienza personale, non ho trovato questa città così pericolosa come la si descrive.

Si deve tenere presente che ovunque ci possono essere zone più o meno a rischio di altre, ma io ho sentito di situazioni più pericolose dalle testate giornalistiche italiane piuttosto che quelle sudafricane.

In dieci anni di permanenza a Cape Town ho cambiato tre appartamenti e un villa e in tutti questi casi non ho mai avuto un problema. Forse perché ho sempre abitato in zone controllate; in ogni caso chi viene in visita a Cape Town sceglierà sempre le zone turistiche piuttosto che la periferia.

 

2) Quale consiglio ti senti di dare alle persone che desiderano visitare Città del Capo?

Sabina Botti: Non ascoltare le storie che raccontano della criminalità in Sudafrica! Bisogna essere consapevoli che vi è un problema a livello di povertà e di come sia netto il livello economico-sociale tra una persona ed un’altra.

I miei consigli sono semplici: evitate di camminare di notte con la macchina fotografica intorno al collo e gioielli vistosi, non lasciate il finestrino della macchina aperta, così come la borsa in vista sul sedile, ugualmente se siete in spiaggia non lasciate incustoditi i vostri oggetti personali. Sono semplici accorgimenti comuni ad ogni luogo.

Semplicemente non cercate situazioni pericolose e non succederà nulla.

Andrea Piantelli: Il mio consiglio è di organizzarsi bene prima con l’itinerario, perché c’è tanto da vedere. Non ho mai consigliato a nessuno precauzioni particolari riguardo la sicurezza; evitate di girare la notte da soli con orologi, collane o macchine fotografiche, ma per il resto e’ una città godibilissima ogni momento.

 

3) Hai notato miglioramenti in termini di iniziative riguardo la sicurezza della città?

Sabina Botti: Assolutamente sì! Grazie ai Mondiali di Calcio di qualche anno fa la città è diventata molto più “tourist friendly”.

Un esempio concreto: i vari sentieri (fan walks) che portano il turista dal centro città fino a Green Point e Mouille Point fino allo stadio sono tutti video-sorvegliati e controllati da guardie di sicurezza e poliziotti.

Cape Town è una città meravigliosa e molto sicura, si tratta unicamente di abituarsi ad un altro modo di vivere, tenere gli occhi aperti e stare attenti sapendo che esiste un problema di povertà. Penso sia importante godere della città e di tutto ciò che ha da offrire senza eccessivo timore.

Andrea Piantelli: Sostanzialmente no, un servizio di controllo delle strade c’è sempre stato, ci sono guardie sparse per tutta la città sempre in contatto con le forze dell’ordine, ma più che qualche episodio di ragazzi ubriachi o piccolo scippi non si è mai verificato.

Credo che sia solo una questione di enfatizzazione delle notizie che fa sembrare questa città pericolosa dall’esterno, ma in realtà non è niente di più che in una qualsiasi metropoli con pregi e difetti.

 

E adesso i nostri consigli  sulla sicurezza a Cape Town

Cape Town è sicura? Ci sono zone da evitare?

Le zone centrali di Cape Town sono tutte sicure, ovviamente criterio e giudizio devono essere componenti fondamentali della vostra visita, come in qualsiasi altra città.

Noi vi sconsigliamo di andare in zone molto distanti dal centro quali Nyanga, Gugulethu , Khayelitsa e Harare, Mitchells Plain  Kraaifontein, Delft , Mfuleni, Elsies River. Alcune di queste sono zone così remote che, a nostro avviso, non avrebbe senso frequentare.

Se proprio avete intenzione di avventurarvi, evitate di andare di notte e fate sempre affidamento o a tour organizzati oppure a  persone del luogo che già conoscete.

– Posso girare a piedi per Cape Town?

Non c’è nessun problema nel girare la città a piedi, sia da soli che in compagnia, oppure facendo affidamento sui mezzi di trasporto locali.

Di notte consigliamo alle donne di essere sempre accompagnate da un’altra persona oppure di essere in gruppo. In ogni caso sia nel centro cittadino che nelle aree turistiche vi sono telecamere ed addetti alla sicurezza.

– Si può andare nelle TownShip?

Consigliamo vivamente di visitare le Township, prenotando un tour organizzato presso l’Ente del Turismo. Visitare le Township renderà la vostra visita a Cape Town davvero memorabile e vi aiuterà a comprendere il periodo in cui vigeva ancora l’apartheid. Un periodo che costrinse numerose persone di colore a lasciare le loro case e vivere in comuni a loro “riservati”. Solo grazie alle elezioni democratiche del 27 aprile del 1994, vinte dall’African National Congress guidato da Nelson Mandela, questo periodo di segregazione razziale venne meno.

Ancora oggi nelle Township abitano centinaia di persone alcune delle quali impegnate nella tutela dei diritti dei bambini, come la ONG Philani che si occupa da anni di fornire un’alimentazione corretta ai più piccoli oltre che di assistenza sanitaria per le persone più indigenti.

Leggi il nostro articolo dedicato alle Township.

– Guidare in macchina è sicuro? E parcheggiare?

Sì, guidare in macchina a Cape Town è sicuro, così come parcheggiare.

Vi sono parcheggiatori ufficiali che non che possono sorvegliare la vostra auto per pochi rand, proprio come accade in Italia.

In ogni caso, non lasciate mai oggetti di valore in vista sia di giorno che di notte.

sicurezza a cape town

Il futuro di Cape Town:

Le misure di sicurezza a Cape Town sono sempre più alte e controllate. All’ordine del giorno nuove iniziative, attività sociali e miglioramenti di quartieri come Woodstock, il quartiere del design.

La sindaca Patricia de Alle affronta il tema sicurezza in modo risoluto, attraverso iniziative volte a prevenire la corruzione. É la prima politica ad essersi esposta in prima persona contro la corruzione all’interno del governo sudafricano.

Un occhio di riguardo anche alle donne: nel 2014 è stato creato il programma “UN Woman” in partnership con la città di Cape Town dedicato alla sicurezza delle donne in luoghi pubblici, specialmente sui mezzi di trasporto.

Sicurezza a Cape Town

Salva

Salva

Salva

 

0 Comments

Leave a Comment

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password